ABanelli_NSD2012_08

Un’altra notte dei senza dimora a Roma

Anche quest’anno, per la dodicesima volta, si è svolta, a Roma, la Notte dei senza dimora Come gli altri anni, S4C c’era (con Angela Vicino, Giulia Leporatti, Francesco Scirè e Adamo Banelli – cliccate qui per la gallery fotografica) e ne ha seguito tutte le fasi. L’iniziativa si è svolta in piazza dell’Immacolata nel quartiere San Lorenzo e ha avuto lo scopo di informare e avvicinare i cittadini e le amministrazioni sul fenomeno delle persone senza dimora, ma anche denunciare e condividere, prendendo parte alla protesta pacifica e dormendo in piazza, per una notte, al fianco di chi ha avuto meno fortuna nella vita.

(cliccare per la galleria fotografica)

Come al solito, la serata (e la nottata) sono state caratterizzate da intrattenimento e convivialità per far passare con immediatezza il messaggio della Giornata Onu di lotta contro la povertà, che gli organizzatori preferiscono chiamare Giornata del rifiuto della miseria: ciascuno può fare qualcosa, e si può fare con spirito gioioso e senza commiserazione. Infine, tutti giù nei sacchi a pelo.

(cliccare per la galleria fotografica)

Dormire sull’asfalto, disturbati dalle luci, dai rumori, dalle scomodità, insegna molto in primo luogo a chi decide di partecipare, aumentando la comprensione nei confronti di chi tutti i giorni è costretto a vivere senza un tetto sulla testa. Questi i fatti. Adesso aggiungo qualcosa io, se permettete.

(cliccare per la galleria fotografica)

E’ la dodicesima Notte dei Senza Dimora. Per S4C è la terza (se non sbaglio). Conosco gli organizzatori talmente bene da stimarli a scatola chiusa ormai. Negli anni ho assistito alle classiche dinamiche organizzative tipiche di eventi complessi come questo. O meglio, l’evento in se’ non è complesso. Lo è se ad organizzarlo sono pochi straordinari volontari che lavorano in salita in un contesto in cui l’amministrazione locale sembra vicina solo a parole. Salvo poi scomparire e, regolarmente, non fare nulla di pratico. E allora tutto diventa difficile; i piccoli normali imprevisti logistici diventano una gara ad ostacoli.

(Anche quest’anno Antonio ricorda il suo/nostro vecchio amico morto per strada…)

Nel flusso interminabile di email di questi ultimi concitati giorni ho assistito ad un altalenarsi di entusiasmo e sconforto, di dibattito su come proseguire e sui toni da assumere nei confronti delle autorità ‘invisibili’. Ma non li ho mai visti cedere. E’ l’entusiasmo che ci piace. Questi volontari si sbattono e si spaccano in quattro per rendere visibile il fenomeno dell’invisibilità sociale. Senza pietismi e senza falsa retorica. Semplicemente mostrando. E lo fanno sopperendo ad un deficit politico (una volta tanto bipartisan) imbarazzante. L’anno prossimo vogliamo vedere quella piazza piena. E se le autorità non ci saranno….vorrà dire che stamperemo delle loro foto e tappezzeremo la pizza con i loro ritratti, così anche loro ‘passeranno’ la notte in compagni di quegli straordinari volontari. Non lasciamoli soli. La Notte è passata. Ma loro sono ancora lì al lavoro. Antonio Amendola




There are 2 comments

Add yours
  1. Francesca Perlini

    Quanto è complessa la realtà,quella italiana ne continua a dare esempi continuamente. Questi son Signori, chi senza casa e chi non usa orpelli per dire ciò che va detto. Gli altri? Sembran esistere per chi resiste al brutto, al falso e al marcio.
    Francesca


Post a new comment

2 + 9 =