Una giornata con la nazionale di Basket su carrozzinaA day of training Basketball on wheelchair Team Italy

(cliccare per la galleria fotografica)

[english version below]

Qualche giorno fa Fabio Renzi (S4C Roma) ha passato del tempo con la nazionale italiana di Basket su carrozina durante gli allenamenti in vista delle attuali Paraolimpiadi. Leggerete le sue parole e vedrete le sue fotografie e capire quanto le Paraolimpiadi siano importanti.

Ultimamente se ne sono sentite di tutti i colori. L’informazione ha alternato facile retorica e sensazionalismo becero (quando ha rilanciato alcuni commenti di Paolo Villaggio sulla tristezza dei giochi Paraolimpici). Adesso però, a qualche giorno dal loro inizio, chi li segue ha capito cheè sport come lo sport… ‘normale’. I 5 cerchi olimpici sono 5 ruote di sedie a rotelle.

Ed e’ ancora più bello. Perché non e’ diversamente sport.

E’ sport. Punto


Antonio Amendola
————

Una giornata di allenamenti con Andrea Pellegrini e la nazionale di Basket su carrozzina

(di Fabio Renzi/S4C Roma)

Ho avuto la fortuna di assistere agli allenamenti della nazionale di Basket su carrozzina, ospite in ritiro per le paralimpiadi presso il Coni.

(cliccare per la galleria fotografica)

 

(cliccare per la galleria fotografica)

E’ stata un’esperienza forte come l’energia che si respira nell’aria accanto a degli atleti concentrati completamente su un obbiettivo importante.
Tra le tante storie degli azzurri c’è quella di Andrea Pellegrini che nasce a Civitavecchia nel 1970 e gareggia su carrozzina dopo aver subito un’amputazione ad una gamba, a seguito di un incidente ferroviario.

Andrea è un atleta dalle mille risorse che ha vinto finora nove medaglie paralimpiche, nella spada, nel fioretto e nella sciabola.
Gioca nel campionato italiano di Pallacanestro in carrozzina con il Santa Lucia Roma e alle paralimpiadi di Londra 2012 ha puntato tutto sulla nazionale Italiana di basket.

Mentre i ragazzi sono in campo ad inseguire la vetta più alta del podio, ho voluto condividere un momento del percorso che li ha portati fino alle gare ufficiali che si stanno disputando in questi giorni, “gli allenamenti”. Una testimonianza del lavoro che c’è dietro ad una partita che vale molto più di una medaglia.

In bocca al lupo ragazzi!!!

Fabio Renzi / S4C Roma

—————————————

A few days ago Fabio Renzi (S4C Rome) has spent time with the Basketball on wheelchair  Team Italy  during training in view of the current Paraolympics. Read his words and see his photographs to  understand why the Paralympics are important.

Lately we’ve heard a lot about these London Games. The information has alternated easy rhetoric and vulgar sensationalism (when Media raised some comments of an old italian actor on the sadness of the Paralympic Games). But now, a few days after they began, we saw how the five Olympic rings turned into  5 wheels of wheelchairs.

And it’s even better. Because it’s not a different kind of sport.
It’s sport. Period.

Antonio Amendola
————

A day of training with Andrea Pellegrini and the Basketball on wheelchair Team Italy

(Fabio Renzi/S4C Rome)

I had the lucky chance  to attend the training sessions of the National Basketball on wheelchair Team Italy just before the Paralympics Games.

It  has been a strong and intense experience as the energy that is in the air with the athletes fully focused on an important goal.
Among the many stories of Team Italy there is that of Andrea Pellegrini, who was born in Civitavecchia in 1970 and compete on a wheelchair after suffering a leg amputation as a result of a train accident.

(click to see the photo gallery)

Andrea is an athlete full of surprises that has so far won nine Fencing Paralympic medals  (sword, foil and saber).
He plays in the Italian League Basketball in wheelchair with the Santa Lucia Rome and he has put all the stakes  on the Italian national team basketball for the current Paralympics Games in London.

(click to see the photo gallery)

While the boys are in the field to chase the highest peak of the podium, I wanted to share a moment of the path that led them to the official Games that are disputing these days: the Training. A tribute to the work that is behind a game that is worth much more than a medal.

Good luck guys!

Fabio Renzi / S4C Rome

 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

 

(cliccare per la galleria fotografica)

[english version below]

Qualche giorno fa Fabio Renzi (S4C Roma) ha passato del tempo con la nazionale italiana di Basket su carrozina durante gli allenamenti in vista delle attuali Paraolimpiadi. Leggerete le sue parole e vedrete le sue fotografie e capire quanto le Paraolimpiadi siano importanti.

Ultimamente se ne sono sentite di tutti i colori. L’informazione ha alternato facile retorica e sensazionalismo becero (quando ha rilanciato alcuni commenti di Paolo Villaggio sulla tristezza dei giochi Paraolimpici). Adesso però, a qualche giorno dal loro inizio, chi li segue ha capito cheè sport come lo sport… ‘normale’. I 5 cerchi olimpici sono 5 ruote di sedie a rotelle.

Ed e’ ancora più bello. Perché non e’ diversamente sport.

E’ sport. Punto


Antonio Amendola
————

Una giornata di allenamenti con Andrea Pellegrini e la nazionale di Basket su carrozzina

(di Fabio Renzi/S4C Roma)

Ho avuto la fortuna di assistere agli allenamenti della nazionale di Basket su carrozzina, ospite in ritiro per le paralimpiadi presso il Coni.

(cliccare per la galleria fotografica)

(cliccare per la galleria fotografica)

E’ stata un’esperienza forte come l’energia che si respira nell’aria accanto a degli atleti concentrati completamente su un obbiettivo importante.
Tra le tante storie degli azzurri c’è quella di Andrea Pellegrini che nasce a Civitavecchia nel 1970 e gareggia su carrozzina dopo aver subito un’amputazione ad una gamba, a seguito di un incidente ferroviario.

Andrea è un atleta dalle mille risorse che ha vinto finora nove medaglie paralimpiche, nella spada, nel fioretto e nella sciabola.
Gioca nel campionato italiano di Pallacanestro in carrozzina con il Santa Lucia Roma e alle paralimpiadi di Londra 2012 ha puntato tutto sulla nazionale Italiana di basket.

Mentre i ragazzi sono in campo ad inseguire la vetta più alta del podio, ho voluto condividere un momento del percorso che li ha portati fino alle gare ufficiali che si stanno disputando in questi giorni, “gli allenamenti”. Una testimonianza del lavoro che c’è dietro ad una partita che vale molto più di una medaglia.

In bocca al lupo ragazzi!!!

Fabio Renzi / S4C Roma

—————————————

A few days ago Fabio Renzi (S4C Rome) has spent time with the Basketball on wheelchair Team Italy during training in view of the current Paraolympics. Read his words and see his photographs to understand why the Paralympics are important.

Lately we’ve heard a lot about these London Games. The information has alternated easy rhetoric and vulgar sensationalism (when Media raised some comments of an old italian actor on the sadness of the Paralympic Games). But now, a few days after they began, we saw how the five Olympic rings turned into 5 wheels of wheelchairs.

And it’s even better. Because it’s not a different kind of sport.
It’s sport. Period.

Antonio Amendola
————

A day of training with Andrea Pellegrini and the Basketball on wheelchair Team Italy

(Fabio Renzi/S4C Rome)

I had the lucky chance to attend the training sessions of the National Basketball on wheelchair Team Italy just before the Paralympics Games.

It has been a strong and intense experience as the energy that is in the air with the athletes fully focused on an important goal.
Among the many stories of Team Italy there is that of Andrea Pellegrini, who was born in Civitavecchia in 1970 and compete on a wheelchair after suffering a leg amputation as a result of a train accident.

(click to see the photo gallery)

Andrea is an athlete full of surprises that has so far won nine Fencing Paralympic medals (sword, foil and saber).
He plays in the Italian League Basketball in wheelchair with the Santa Lucia Rome and he has put all the stakes on the Italian national team basketball for the current Paralympics Games in London.

(click to see the photo gallery)

While the boys are in the field to chase the highest peak of the podium, I wanted to share a moment of the path that led them to the official Games that are disputing these days: the Training. A tribute to the work that is behind a game that is worth much more than a medal.

Good luck guys!

Fabio Renzi / S4C Rome

 
 
 
 
 
 
 
 
 
 




There are no comments

Add yours

3 × three =