ID Without ColorsID Without Colors

[in italiano, più sotto] We are very glad to introduce you Riccardo Valsecchi (S4C Berlin).  Riccardo is a talented italian photojournalist based in Berlin and he’s starting up an interesting S4C group in the area. As a first story, he decided to present his current project “ID without colors”. We lately showed it during a Shoot4Minutes event. Read the story and watch the video…and remember that it’s possible, to share, participate, give advise and, why not, support the project, visiting the website www.indiegogo.com/idwithoutcolors. AA

A story by Riccardo Valsecchi/S4C Berlin

On March 27, 2012, the administrative court of Koblenz, in Western Germany, dismissed a complaint by a black German man who was asked to show his papers while travelling by train. The judges ruled that skin color was reasonable grounds on which to carry out ID checks. While Germany has been emerging not only economically but also culturally as the lead country in Europe, there are many social issues, which are still not resolved. Among them, racism. Especially in the former East Germany, where the economical and social issues are still persisting 20 years after the falling of the Berlin wall.

(click to see the video)

Berlin has been often described as the emerging European capital. A heaven where to express your own creativity and artistic attitude. Many people from all around the world are coming to the German city in order to enjoy the artistic and cultural atmosphere. Among the 3.451.000 citizens, 457.800 are the foreigners. Furthermore, Berlin is still a “poor” city. With a 14% unemployment rate, an enormous debt contracted with the other German States for the reconstruction of the former East Berlin, and the process of gentrification of areas once destined to working class communities, tensions between local citizens and foreigners are increasing day in day out. Particularly in peripheral areas as Marzahn or Lichtenberg where the inhabitants usually don’t have a regular job and vote for the far right National Democratic Party (NPD).

But it’s not just a problem of the far right parties: in his 2010 “Deutschland schafft sich ab” (“Deutschland is abolishing itself”) Thilo Sarrazin, a social democratic politician and economist, advocated genetic grounds behind the failure of the integration of Turkish immigrants in the German society. 144.000 Turkish people are living in Berlin.

While the local government publicizes Berlin as an example of tolerance and coexistence between different cultures, a lingering anti-foreigner sentiment is in the air. A former government spokesman said that dark-skinned visitors to Germany should consider avoiding the east part of the city where racism runs high. It is also reported that German police routinely ignore racist attacks. It has been about 7 years since Oury Jallow, a political refugee from Sierra Leone, died in a fire in a police cell in Dessau. Even if the hands and feet of Oury, who was alone in the cell, were tied to a mattress, Police declared that he started the fire. Noise and cries for help coming from acoustically controlled cell were registered but ignored. The case is still under investigation. “ID—without colors” is a photo-video project which aims to give a voice to all of the people who may be subjected to the ID checks due to the color of their skin. How many times do we forget that the protagonists of racism are not us, not the well-integrated migrants, but common people, men and women of the street, which suffer more than anyone the abuse of the ethnical prejudice with no possibility of defending themselves? It’s possible, to share, participate, give advise and, why not, support the project, visiting the website www.indiegogo.com/idwithoutcolors.

ID WITHOUT COLORS

(una progetto di Riccardo Valsecchi/S4C Berlin) Il 27 marzo 2012, la corte amministrativa di Koblenz, nella Germania dell’Ovest, ha respinto un reclamo di un cittadino tedesco di colore a cui era stato richiesto da parte della polizia ferroviaria di mostrare i propri documenti durante un viaggio in treno. I giudici hanno sentenziato che il colore della pelle può costituire un valido motivo per controllare i documenti d’identità. Nonostante la Germania stia emergendo non solo economicamente, ma anche culturalmente, come Paese leader all’interno della Comunità Europea, facendosi portavoce spesso della difesa dei diritti umani al di fuori del Vecchio Continente, molte contraddizioni continuano a persistere nella società tedesca. Non da ultimo, il problema razziale. Soprattutto nei Länder dell’Est, dove le difficoltà economiche e sociali, nonostante siano passati oltre vent’anni dalla caduta del muro, continuano a persistere.

(click to see the video)

Berlino è spesso descritta dai media come la capitale emergente d’Europa. Un paradiso dove esprimere al meglio la propria creatività e verve artistica. Decine di migliaia di giovani giungono nella capitale tedesca da tutto il mondo per poterne condividere e gustare l’atmosfera bohémienne. Dei 3.451.000 cittadini registrati che affollano l’ex città del muro, 457.800 sono stranieri. Nonostante ciò, Berlino rimane, di fatto, una città estremamente povera. Con una percentuale di disoccupazione che sfiora il 14% – la più alta fra tutti gli Stati Federali tedeschi -, un debito abnorme contratto con gli altri Stati Federali per la ricostruzione della parte Est, cui si va a sommare il processo di gentrificazione di aree prima destinate alle classi sociali meno abbienti, la capitale tedesca è sempre più il centro di crescenti tensioni fra la popolazione locale e gli stranieri. In particolar modo nelle aree periferiche di Marzahn e Lichtenberg, dove una fetta consistente della popolazione è disoccupata e vota il partito di estrema destra NPD, candidatosi alle ultime elezioni della città-Stato con il triste e di nazi-memoria slogan “Gas geben”, “diamo gas”. Ma non si tratta solo di provocazioni dell’estrema destra, come testimonia il successo del libro “Deutschland schafft sich ab”, “La Germania si abolisce” (2010), del politico socialdemocratico ed economista tedesco Thilo Sarrazin; in esso l’autore espone la tesi che dietro il fallimento dell’integrazione degli immigrati turchi in Germania si nascondano ragioni genetiche. 144.000 sono i turchi che vivono a Berlino.

E se da una parte il governo locale pubblicizza la metropoli berlinese come un esempio di tolleranza e coesistenza fra le diverse culture, un ex portavoce del governo tedesco ha dichiarato recentemente che i turisti di colore dovrebbero considerare di evitare la parte est della città, dove il razzismo è molto vivo. È anche risaputo che la polizia tedesca normalmente ignora denunce di attacchi a sfondo razzista. Talvolta riserva addirittura un servizio di riguardo per gli immigrati di colore. Sono passati poco più di sette anni da quando Oury Jalloh, un rifugiato della Sierra Leone, morì per un incendio di natura dolosa nella cella della stazione di polizia di Dessau, dove era detenuto. Nonostante avesse piedi e mani legate, gli agenti di polizia dichiararono che fu lui stesso a causare l’incendio. La sua voce implorante aiuto venne registrata dai microfoni interni della stazione, ma ignorata. Il caso è tuttora sotto indagine. “ID—without colors” è un progetto video-fotografico che intende dare voce a coloro di cui non teniamo mai conto quando parliamo di razzismo, ovvero non noi stessi, non l’immigrato perfetto esempio d’integrazione, ma anche la persona comune, qualsiasi, che più di tutti subisce, senza potersi difendere, i soprusi del pregiudizio etnico. È possibile condividere, partecipare, dare suggerimenti e, perché no, sostenere il progetto, visitando l’indirizzo web www.indiegogo.com/idwithoutcolors.

[in italiano, più sotto] We are very glad to introduce you Riccardo Valsecchi (S4C Berlin).  Riccardo is a talented italian photojournalist based in Berlin and he’s starting up an interesting S4C group in the area. As a first story, he decided to present his current project “ID without colors”. We lately showed it during a Shoot4Minutes event. Read the story and watch the video…and remember that it’s possible, to share, participate, give advise and, why not, support the project, visiting the website www.indiegogo.com/idwithoutcolors. AA

A story by Riccardo Valsecchi/S4C Berlin

On March 27, 2012, the administrative court of Koblenz, in Western Germany, dismissed a complaint by a black German man who was asked to show his papers while travelling by train. The judges ruled that skin color was reasonable grounds on which to carry out ID checks. While Germany has been emerging not only economically but also culturally as the lead country in Europe, there are many social issues, which are still not resolved. Among them, racism. Especially in the former East Germany, where the economical and social issues are still persisting 20 years after the falling of the Berlin wall.

(click to see the video)

Berlin has been often described as the emerging European capital. A heaven where to express your own creativity and artistic attitude. Many people from all around the world are coming to the German city in order to enjoy the artistic and cultural atmosphere. Among the 3.451.000 citizens, 457.800 are the foreigners. Furthermore, Berlin is still a “poor” city. With a 14% unemployment rate, an enormous debt contracted with the other German States for the reconstruction of the former East Berlin, and the process of gentrification of areas once destined to working class communities, tensions between local citizens and foreigners are increasing day in day out. Particularly in peripheral areas as Marzahn or Lichtenberg where the inhabitants usually don’t have a regular job and vote for the far right National Democratic Party (NPD).

But it’s not just a problem of the far right parties: in his 2010 “Deutschland schafft sich ab” (“Deutschland is abolishing itself”) Thilo Sarrazin, a social democratic politician and economist, advocated genetic grounds behind the failure of the integration of Turkish immigrants in the German society. 144.000 Turkish people are living in Berlin.

While the local government publicizes Berlin as an example of tolerance and coexistence between different cultures, a lingering anti-foreigner sentiment is in the air. A former government spokesman said that dark-skinned visitors to Germany should consider avoiding the east part of the city where racism runs high. It is also reported that German police routinely ignore racist attacks. It has been about 7 years since Oury Jallow, a political refugee from Sierra Leone, died in a fire in a police cell in Dessau. Even if the hands and feet of Oury, who was alone in the cell, were tied to a mattress, Police declared that he started the fire. Noise and cries for help coming from acoustically controlled cell were registered but ignored. The case is still under investigation. “ID—without colors” is a photo-video project which aims to give a voice to all of the people who may be subjected to the ID checks due to the color of their skin. How many times do we forget that the protagonists of racism are not us, not the well-integrated migrants, but common people, men and women of the street, which suffer more than anyone the abuse of the ethnical prejudice with no possibility of defending themselves? It’s possible, to share, participate, give advise and, why not, support the project, visiting the website www.indiegogo.com/idwithoutcolors.

ID WITHOUT COLORS

(una progetto di Riccardo Valsecchi/S4C Berlin) Il 27 marzo 2012, la corte amministrativa di Koblenz, nella Germania dell’Ovest, ha respinto un reclamo di un cittadino tedesco di colore a cui era stato richiesto da parte della polizia ferroviaria di mostrare i propri documenti durante un viaggio in treno. I giudici hanno sentenziato che il colore della pelle può costituire un valido motivo per controllare i documenti d’identità. Nonostante la Germania stia emergendo non solo economicamente, ma anche culturalmente, come Paese leader all’interno della Comunità Europea, facendosi portavoce spesso della difesa dei diritti umani al di fuori del Vecchio Continente, molte contraddizioni continuano a persistere nella società tedesca. Non da ultimo, il problema razziale. Soprattutto nei Länder dell’Est, dove le difficoltà economiche e sociali, nonostante siano passati oltre vent’anni dalla caduta del muro, continuano a persistere.

(click to see the video)

Berlino è spesso descritta dai media come la capitale emergente d’Europa. Un paradiso dove esprimere al meglio la propria creatività e verve artistica. Decine di migliaia di giovani giungono nella capitale tedesca da tutto il mondo per poterne condividere e gustare l’atmosfera bohémienne. Dei 3.451.000 cittadini registrati che affollano l’ex città del muro, 457.800 sono stranieri. Nonostante ciò, Berlino rimane, di fatto, una città estremamente povera. Con una percentuale di disoccupazione che sfiora il 14% – la più alta fra tutti gli Stati Federali tedeschi -, un debito abnorme contratto con gli altri Stati Federali per la ricostruzione della parte Est, cui si va a sommare il processo di gentrificazione di aree prima destinate alle classi sociali meno abbienti, la capitale tedesca è sempre più il centro di crescenti tensioni fra la popolazione locale e gli stranieri. In particolar modo nelle aree periferiche di Marzahn e Lichtenberg, dove una fetta consistente della popolazione è disoccupata e vota il partito di estrema destra NPD, candidatosi alle ultime elezioni della città-Stato con il triste e di nazi-memoria slogan “Gas geben”, “diamo gas”. Ma non si tratta solo di provocazioni dell’estrema destra, come testimonia il successo del libro “Deutschland schafft sich ab”, “La Germania si abolisce” (2010), del politico socialdemocratico ed economista tedesco Thilo Sarrazin; in esso l’autore espone la tesi che dietro il fallimento dell’integrazione degli immigrati turchi in Germania si nascondano ragioni genetiche. 144.000 sono i turchi che vivono a Berlino.

E se da una parte il governo locale pubblicizza la metropoli berlinese come un esempio di tolleranza e coesistenza fra le diverse culture, un ex portavoce del governo tedesco ha dichiarato recentemente che i turisti di colore dovrebbero considerare di evitare la parte est della città, dove il razzismo è molto vivo. È anche risaputo che la polizia tedesca normalmente ignora denunce di attacchi a sfondo razzista. Talvolta riserva addirittura un servizio di riguardo per gli immigrati di colore. Sono passati poco più di sette anni da quando Oury Jalloh, un rifugiato della Sierra Leone, morì per un incendio di natura dolosa nella cella della stazione di polizia di Dessau, dove era detenuto. Nonostante avesse piedi e mani legate, gli agenti di polizia dichiararono che fu lui stesso a causare l’incendio. La sua voce implorante aiuto venne registrata dai microfoni interni della stazione, ma ignorata. Il caso è tuttora sotto indagine. “ID—without colors” è un progetto video-fotografico che intende dare voce a coloro di cui non teniamo mai conto quando parliamo di razzismo, ovvero non noi stessi, non l’immigrato perfetto esempio d’integrazione, ma anche la persona comune, qualsiasi, che più di tutti subisce, senza potersi difendere, i soprusi del pregiudizio etnico. È possibile condividere, partecipare, dare suggerimenti e, perché no, sostenere il progetto, visitando l’indirizzo web www.indiegogo.com/idwithoutcolors.




Post a new comment

3 × 3 =