MattiaCacciatori_Israel-No_ (7)

C’è chi dice NO – There is someone who says NO!

– english version below –

(di Mattia Cacciatori)

Qui, nello Stato di Israele, ci sono persone che hanno il coraggio di dire che questo conflitto deve finire.

C’è qualcuno che “combatte” contro la dittatura militare di Israele.
C’è qualcuno che non può controllare le sue parole e dice con forza “Pace!”

Oggi è il 21 di Novembre. Sino ad ora in Gaza sono morte 140 persone in 8 giorni. In Israele 3. Sarebbe da dire, solamente tre. E la guerra non è iniziata che da poco tempo. Non ci sono due schieramenti, due parti in conflitto.

(cliccare per la galleria fotografica)

Ma c’è una parte, tra le tante in tutto questo, che ha deciso di prendere parte del movimento mondiale contro la guerra.

In queste immagini si può vedere questa parte della società e cosa gli succede quando prova a giocare il suo ruolo: Manifestazione pacifica organizzata dagli Anarchici Contro il Muro e da altri gruppi di attivisti nella Gerusalemme Ovest, in piazza Parigi, vicino alla casa del primo ministro israeliano.

(cliccare per la galleria fotografica)

L’inizio della marcia è stato pacifico, ma la polizia israeliana ha ordinato di dare fine alla dimostrazione e ha iniziato ad intimare ai pacifisti di
andarsene con l’uso della forza.

Sono iniziati gli scontri con la polizia e 4 attivisti sono stati arrestati.

Ogni giorno qualcuno dice NO e ogni giorno qualcuno paga per avere dichiarato questo.

In una società democratica questo non dovrebbe succedere. Ma….

Mattia Cacciatori

 

In Israel there is who says NO!

(by Mattia Cacciatori)

Here, in the State of Israel, there are people that have the brave to say that this conflict must be finished.

There is someone that “fights” against the military dictatorship of Israel.
There is someone that can’t control his word and says strongly “Peace!”

(click to see the photo gallery)

Today is the 21th of Novemberand until now in Gaza died 140 people in 8 day. In Israel 3. Should be say just three. And the war is started not to far. There aren’t two deployments, two lines in conflict. But there is a side that has decide to take part of a worldwide movement against the War.

In these pictures you can see this part of the society and what’s happening is something like that: Pacific Demonstrations organized by
the anarchists against the wall and other activists groups in West Jerusalem, Paris Square, near the Israeli prime minister’s house.

The beginning of the march was pacific, then the Israeli police ordered to end the demonstration and the first violent reactions started. Clashes with the police, four demonstrators arrested.

(click to see the photo gallery)

Every day someone say NO and every day some one pay for this declaration.

In a democratic society something like that should not happen. But…

 




There is 1 comment

Add yours

Post a new comment

4 + 14 =