Tokai Kora – Next Stop KamalapurTokai Kora – Next Stop Kamalapur

– english below –

(foto e testo di Luca Fabbozzo/S4C)

Gettati a terra come dei relitti, centinaia di persone dormono da parte ai binari della stazione di Kamalapur, una dalla stazioni ferroviarie più grandi di Dhaka – Bangladesh. La maggior parte di loro sono bambini di età inferiore ai 14 anni, bambini di strada che formano un esercito di oltre 700.000 anime, la cui vita vale poco.

(cliccare per la galleria fotografica)

 “Tokai Kora”, in lingua bengalese, significa raccogliere cose scartate e “Tokai” è il nome dato a quei bambini di strada che lo fanno. E ‘un nome molto appropriato per i bambini di strada di Dhaka, dal momento che la loro sopravvivenza è legata al riciclaggio dei rifiuti sulle strade. La maggior parte di loro contrae debiti con i proprietari dei negozi per poter sopravvivere.

Questi ragazzi vivono in una situazione di lavoro forzato e di schiavitù. Questo tipo di attività ha portato questi bambini a vivere tra una discarica e l’altra, sul ciglio della strada sempre alla ricerca di qualcosa che ha un minimo valore.

(cliccare per la galleria fotografica)

Da quando sua madre lo ha abbandonato, sono passati quasi due anni. Abdur Rahim ha trovato una nuova casa nella stazione di Kamalapur. “Prima eravamo abituati a fumare bidis o sigarette, poi abbiamo iniziato a prendere droghe.” ha detto Rashid, che ora è in trattamento per tossicodipendenza al APON, un centro per la riabilitazione dei tossicodipendenti di Dhaka.

Piu’ del  17 per cento dei bambini di strada di Dhaka sono dipendenti da droghe. Questi si confrontano con le esperienze della strada e prostituzione, e sono spesso sottoposti a violenze e torture.

Passano la notte sul pavimento, inalando i vapori di colle e altre droghe mortali, facilmente reperibili nei mercati. Inalano continuamente droghe da barattoli di vetro o sacchetti di plastica, dando loro l’illusione di vincere i morsi della fame, paura e solitudine.

 Luca Fabbozzo/S4C

[iframe http://www.s4c.it/slides/tokaikora 100% 800px]

 

Tokai Kora – Next Stop Kamalapur

 (a story by Luca Fabbozzo/S4C)

Thrown to the ground like a human wrecks, hundreds people sleeping on the docks of Kamalapur Station, one of the bigger train station of Dhaka – Bangladesh. Most of them are children under the age of 14, street children that form an army of over 700,000 souls, whose life is worth little.

(click to see the photo gallery)

 

“Tokai Kora”, in Bengali language, means to pick up discarded things and “Tokai” is the name given to those street children who do that. It is a very appropriate name for street children in Dhaka, since they survive on the streets recycling rubbish.

Most of them contracts debts with shops owners in order to survive. These kids live in a situation of bonded labor and slavery.

This type of activity led these children to live in a dump and the other, by the roadside always looking for something that has a minimum value.

(click to see the photo gallery)

When his step mother abandoned him nearly two years ago Abdur Rahim found a new home at Kamalapur Station.

” First we used to smoke bidis or cigarettes, then we started taking drugs.” said Rashid, who is now being treated for drug addiction at APON, a centre for rehabilitation of drug addicts in capital Dhaka. Up to 17 percent of street children in capital Dhaka are addicted to drugs.

This compares with the experiences of the road, drugs, violence and prostitution, and are often subjected to violence and torture. They spend the night on the floor, inhale vapors of glue, and other deadly drugs, easily found in markets, inhaled continuously from glass jars or plastic bags, which gives the illusion of winning the pangs of hunger, fear and loneliness.

The plight of street children is one of the most dreadful manifestation of the injustice of poverty and exclusion. The street children survive on the margins of society relaying only on their own efforts.

(click to see the photo gallery)

Children’s right are at best ignored and at worst trampled upon throughout indifference, economic exploitation, and sexual and physical abuse.

Luca Fabbozzo/S4C 

– english below –

(foto e testo di Luca Fabbozzo/S4C)

Gettati a terra come dei relitti, centinaia di persone dormono da parte ai binari della stazione di Kamalapur, una dalla stazioni ferroviarie più grandi di Dhaka – Bangladesh. La maggior parte di loro sono bambini di età inferiore ai 14 anni, bambini di strada che formano un esercito di oltre 700.000 anime, la cui vita vale poco.

(cliccare per la galleria fotografica)

“Tokai Kora”, in lingua bengalese, significa raccogliere cose scartate e “Tokai” è il nome dato a quei bambini di strada che lo fanno. E ‘un nome molto appropriato per i bambini di strada di Dhaka, dal momento che la loro sopravvivenza è legata al riciclaggio dei rifiuti sulle strade. La maggior parte di loro contrae debiti con i proprietari dei negozi per poter sopravvivere.

Questi ragazzi vivono in una situazione di lavoro forzato e di schiavitù. Questo tipo di attività ha portato questi bambini a vivere tra una discarica e l’altra, sul ciglio della strada sempre alla ricerca di qualcosa che ha un minimo valore.

(cliccare per la galleria fotografica)

Da quando sua madre lo ha abbandonato, sono passati quasi due anni. Abdur Rahim ha trovato una nuova casa nella stazione di Kamalapur. “Prima eravamo abituati a fumare bidis o sigarette, poi abbiamo iniziato a prendere droghe.” ha detto Rashid, che ora è in trattamento per tossicodipendenza al APON, un centro per la riabilitazione dei tossicodipendenti di Dhaka.

Piu’ del 17 per cento dei bambini di strada di Dhaka sono dipendenti da droghe. Questi si confrontano con le esperienze della strada e prostituzione, e sono spesso sottoposti a violenze e torture.

Passano la notte sul pavimento, inalando i vapori di colle e altre droghe mortali, facilmente reperibili nei mercati. Inalano continuamente droghe da barattoli di vetro o sacchetti di plastica, dando loro l’illusione di vincere i morsi della fame, paura e solitudine.

Luca Fabbozzo/S4C

[iframe http://www.s4c.it/slides/tokaikora 100% 800px]

 

Tokai Kora – Next Stop Kamalapur

(a story by Luca Fabbozzo/S4C)

Thrown to the ground like a human wrecks, hundreds people sleeping on the docks of Kamalapur Station, one of the bigger train station of Dhaka – Bangladesh. Most of them are children under the age of 14, street children that form an army of over 700,000 souls, whose life is worth little.

(click to see the photo gallery)

“Tokai Kora”, in Bengali language, means to pick up discarded things and “Tokai” is the name given to those street children who do that. It is a very appropriate name for street children in Dhaka, since they survive on the streets recycling rubbish.

Most of them contracts debts with shops owners in order to survive. These kids live in a situation of bonded labor and slavery.

This type of activity led these children to live in a dump and the other, by the roadside always looking for something that has a minimum value.

(click to see the photo gallery)

When his step mother abandoned him nearly two years ago Abdur Rahim found a new home at Kamalapur Station.

” First we used to smoke bidis or cigarettes, then we started taking drugs.” said Rashid, who is now being treated for drug addiction at APON, a centre for rehabilitation of drug addicts in capital Dhaka. Up to 17 percent of street children in capital Dhaka are addicted to drugs.

This compares with the experiences of the road, drugs, violence and prostitution, and are often subjected to violence and torture. They spend the night on the floor, inhale vapors of glue, and other deadly drugs, easily found in markets, inhaled continuously from glass jars or plastic bags, which gives the illusion of winning the pangs of hunger, fear and loneliness.

The plight of street children is one of the most dreadful manifestation of the injustice of poverty and exclusion. The street children survive on the margins of society relaying only on their own efforts.

(click to see the photo gallery)

Children’s right are at best ignored and at worst trampled upon throughout indifference, economic exploitation, and sexual and physical abuse.

Luca Fabbozzo/S4C




There are no comments

Add yours

four × two =