Il Vivicittà Uisp a Roma – Riappropriamoci del fiume

[english abstract: last sunday, in Rome, a Team of S4C photographers followed a very special running event in downtown Rome host by UISP (a national sport association that runs sport events to veichulate social messages). A spectacular run along the river Tiber to raise awareness on forgotten places in Rome and other social issues. A beautiful day in a beautiful city, run and photographed by beautiful People]  CLICK HERE TO SEE THE PHOTO GALLERY

Testo: Antonio Marcello/S4C Roma

(cliccare per il foto racconto)

[Roma – 15 Aprile 2012] Sul percorso del Tevere, il fiume protagonista della storia e dello sviluppo di Roma, si corre il Vivicittà, la più grande gara podistica organizzata dalla Uisp (Unione Italiana Sport Per tutti, http://www.uisp.it) che parte in contemporanea in  40 città italiane e 20 nel mondo. Si corre per i diritti, per l’ambiente, per l’accoglienza e contro qualsiasi forma di discriminazione.

E non solo. E’ stato un modo, a Roma, di riappropriarsi di uno spazio urbano soggetto al degrado, quasi dimenticato da migliaia di romani  che percorrono ogni giorno distrattamente le sue rive.

Shoot4Change ha seguito l’edizione romana, alla sua prima volta sulle sponde del Tevere. Il tempo è stato clemente la mattina della corsa, ma il fango formatosi dalla pioggia dei giorni precedenti ha visto i volontari dell’Uisp indffarati a rendere il percorso di 12 km agibile. In alcuni tratti è sembrata quasi una campestre, ma c’erano comunque solo sorrisi sui volti felici degli atleti.

Anche le medaglie sono state una cosa insolita e nuova. Sull’idea del riciclo e il riutilizzo, tema portante dell’edizione di quest’anno, le medaglie dei primi arrivati sono state realizzate tutte con parti recuperate. Due fondi di lattina, un pezzo di catena di una bicicletta e un po’ di plastica di bottiglie, ed ecco una oggetto originale e significativo. I bravi artigiani che le hanno realizzate sono i giovani migranti del progetto Refugee scART della Spiral Foundation (http://www.spiralfoundation.org/)

(cliccare per il foto racconto)

A fare da ponte simbolico tra le due sponde le esibizioni e le gare di canottaggio, che ha visto i primi premiati con la Coppa Anellone, a simboleggiare la moltitudine di anelli di acciaio che fino a non  troppi anni fa erano utilizzati dalle barche che navigavano il fiume e lo rendevano vivo.

Seguire una gara su un percorso così lungo, con la città tutt’intorno che continua la sua vita caotica ha presentato non pochi problemi. E’ stata dura, ma ce l’abbiamo fatta!

Un ringraziamento particolare va ai nostri fotografi, elencati in ordine sparso: Angela Vicino, Antonio Marcello, Luciano Simonelli, Giulia Leporatti, Daniela Conti, Claudia Romiti, Susanna Buscaini, Giulia Leporatti, Alessandra Fratoni, Fabio Renzi, Francesco Scirè.

[di Antonio Marcello/S4C]

(cliccare per il foto racconto)

 




There are no comments

Add yours

eighteen − 15 =